Tra arte e magia, i fischietti popolari ed artistici, provenienti da tutto il mondo e da epoche anche molto lontane, sono custoditi dal Museo dei Chuchi. Oltre 12.000 pezzi ricostruiscono la storia di questi strumenti a fiato, protagonisti di riti scaramantici, giocattoli o pegni amorosi. Un insolito museo, da scoprire con gli occhi di un bambino.
Il cuco è un fischietto in terracotta e fa parte degli strumenti popolari. A dispetto della sua semplicità, ha una lunga storia che risale all’età preistorica, quando fu inventato per imitare i canti degli uccelli, o come difesa dei contadini contro i predatori delle coltivazioni, ma anche come oggetto scaramantico che allontana gli spiriti cattivi e segna il trapasso dalla vita alla morte. Fu anche gioco per i bambini o pegno amoroso.

Si dice che il cuco, oltre che portafortuna, abbia poteri magici, nei momenti di malinconia, convogliando i sospiri attraverso il cuco, si produce un suono distensivo che evoca il canto di primavera del cuculo nei boschi: richiamo infallibile d’amore e di giovinezza.
Affascinato da questo piccolo e complesso oggetto, Gianfranco Valente ha cominciato a collezionarlo negli anni ’60 e ha approfondito la conoscenza su di essi, andandoli a cercare in ogni angolo del mondo, raccogliendo le informazioni e le testimonianze sulle abitudini d’uso e di come venivano costruiti.

Orari:

Da ottobre ad aprile: sabato e domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 18.00. Da maggio a settembre: dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 19.00. Chiuso il lunedì. Per gruppi su prenotazione anche fuori orario.

Indirizzo: Roana - Via XXVII Aprile, 16 - Cesuna di Roana
Telefono: 0424 694283
GPS:45.842801, 11.439949

Ingresso gratuito



Ti potrebbe interessare anche ...