X EMERGENZA CORONAVIRUS: a seguito del DPCM 08.03.2020, sono sospesi fino al 3 aprile tutti gli eventi in luogo pubblico e privato.

La Storia della Comunicazione dal 1700 al 1940
Da una grande passione per il collezionismo nasce il Museo Tibaldo. Una passione coltivata da Giancarlo Tibaldo, che in oltre quarant'anni ha messo insieme un tesoro fatto di oltre 10.000 pezzi perfettamente funzionanti, della storia dei mezzi della comunicazione audio-video-musicale, della scienza e della tecnica.

“Un patrimonio di portata internazionale, un sicuro vanto per la nostra Regione Veneto, che per esprimere totalmente il suo valore ha la necessità di essere a disposizione della collettività”

Il museo è per definizione il luogo della memoria, lo spazio in cui il passato prende forma, diventavisibile, si può anche toccare. Nel museo la storia si ascolta. E' voce, suono, musica, sibilo di frequenze, che arrivano da lontano, emesse da apparecchi voluminosi, in stile e materiali che ci parlano di un’epoca che fu e ci riportano a ieri. Nel museo la storia si osserva nelle immagini e negli strumenti di un’epoca che sembra così lontana, ma che ci fa capire come l’evoluzione dei tempi si basi sulla genialità dell’uomo. Il Museo Tibaldo è tutto questo. Un luogo affascinante dove riscoprire la magia della comunicazione.

All’interno del Museo sono custoditi inoltre manifesti, locandine, riviste e stampe originali, pellicole di tutte le epoche dal cinema muto alle novità del cinemascope degli anni ’60. Il museo attraverso la biblioteca, ci guida in un viaggio attraverso la memoria, alla scoperta della storia, segreti e tecnologie di un’epoca ormai passata ma così affascinante.

Molti sono i settori: gli strumenti musicali quali carillon, pianole, organi, organetti meccanici del Settecento e Ottocento, dal fonografo a cilindro ai grammofoni a disco, la fotografia con i suoi numerosissimi scopritori, il pre-cinema da fine ‘700 con le lanterne magiche, alle prime immagini animate fino alle macchine del cinema degli anni ’60, la radio con gli importanti brevetti di Tesla e Marconi, il telefono di Meucci, gli interfoni, i dittafoni e gli apparecchi per registrare ascoltare e cancellare, la televisione.

E ancora la Ducati con condensatori, radio, proiettori, macchine fotografiche, calcolatrici e rasoi elettrici, Rumi artista che costruì moto uniche al mondo per la loro originalità, l’elettricità applicata alla medicina attraverso l’elettrostatica, l’ottica e la meccanica per la didattica scolastica.

Attività didattiche:
una visita guidata per adulti e ragazzi, che saranno accompagnati per scoprire e capire l’evoluzione della comunicazione in oltre 200 anni di storia.
La visita che sicuramente stupirà i ragazzi, sarà adeguata in base al livello di studio ed è rivolta alle classi quarta/quinta della scuola primaria e alla scuola secondaria di I e II grado. Per chi lo desidera, seguirà il “laboratorio” con i relativi esperimenti scientifici sull’elettromagnetismo, sull’elettrostatica, sul funzionamento delle pile e sul Motore Stirling.

Indirizzo: Trissino - Via Stazione, 44
Telefono: 0445 492065
GPS:45.562876, 11.385055

Tariffe ingresso con visita guidata
-Intero: 7,00 € 
-Ridotto: 5,00 € (persone tra 6 e 14 anni - over 65)
-Scuole e gruppi di almeno 15 persone: 5,00 € cad. (insegnanti gratis)
-Bambini sotto i 6 anni e disabili: gratis

Per gli orari delle visite e solo su prenotazione: chiamare il 0445 491512 o inviare una email a: info@museotibaldo.it (è sempre consigliato chiamare e prenotare in anticipo per il giorno a voi favorevole)