X In considerazione delle norme in vigore per l'emergenza Coronavirus, si invitano i lettori a verificare le informazioni relative all'apertura delle strutture presenti in questo sito e degli eventi programmati

La chiesa di Santa Maria in Araceli fu costruita nella seconda metà del XVII, in stile barocco, ed è attribuita all'architetto modenese Guarino Guarini. Si trova nell’omonimo quartiere di Vicenza.

Secondo la concezione barocca, la facciata appare come un grande scenario teatrale su cui sono posate  ben 15 statue, la maggior parte delle quali è attribuita ai fratelli Orazio e Angelo Marinali. 

Fino al 1915 al grande portale, con battenti originali del Settecento, si accedeva da una scalinata di sette gradini, che dava slancio a tutta la fabbrica. In quell'anno fu tolta, essendo stata innalzata la piazzetta antistante per ridurre i rischi di allagamento causato dalle frequenti piene del vicino fiume Bacchiglione.

Le prime notizie risalgono al 1241, data nella quale si parla di una piccola chiesa della “Santa Maria” e nel 1244 sono le Eremite di San Damiano, provenienti da Santa Maria Mater Domini di Longare a costruire un modesto monastero, che chiamarono S. Maria ad Cellam, modificato dal linguaggio corrente in “Alla cella”, “Arcella” e, infine Araceli. Nel 1277 risulta che le Eremite di San Damiano cedettero il convento alle Monache Clarisse di San Francesco, dette Celestine. Nel 1797 entrava in città l’esercito francese, occupando la chiesa ed il monastero; le suore dovettero abbandonare il convento per ritornarci nel 1799. Nel 1810 con la soppressione degli ordini religiosi, a seguito dei decreti napoleonici, i beni delle suore furono demaniati e ceduti al conte Antonio Capra che rase al suolo il convento, utilizzandone l'area per creare un grande giardino per la sua villa, oggi conosciuto come Parco Querini.

Dal 1960 la chiesa è stata parzialmente abbandonata per la costruzione di una nuova chiesa parrocchiale a Borgo Scroffa, intitolata Araceli in Cristo Re. 

Santa Maria in Araceli è stata restaurata negli anni '90 riacquistando piena funzionalità e donando altresì ai cittadini di Vicenza la possibilità di “riappropriarsi” del più importante monumento barocco religioso della città. 

Indirizzo: Vicenza - Piazza Araceli, 21
Telefono: 0444 514438
GPS:45.55339791803216, 11.549310330684397