X In considerazione delle norme contenute nel Dpcm 18.10.2020, si invitano i lettori a verificare l'effettivo svolgimento delle manifestazioni inserite nel sito

Un’altra passeggiata che può ricreare corpo e spirito è quella che dal centro di Vicenza, passando per Ponte San Michele, contrà del Guanto, porta in contra’ Santa Chiara, dove alla sinistra si trova la chiesetta quattrocentesca di Santa Chiara, dedicata anche a San Bernardino, e costruita in stile neo-rinascimentale (1471-1478) per l'omonimo monastero delle Clarisse.

Attualmente è una dipendenza dell'Istituto Palazzolo delle suore delle Poverelle. Al momento della costruzione la chiesa di Santa Chiara era l’unico edificio nel Veneto a pianta ottagonale con tamburo esterno a sedici lati che diventa all’interno circolare e si chiude con una copertura che è un incrocio di travi a capriate. All’interno della chiesa sono visibili quattro belle tele di Giulio Carpioni e, sull’altare maggiore, la Sacra Famiglia di ritorno dall’ Egitto di Giabattista Maganza il Giovane.

Nel Coro delle monache, posto sul retro dell'altare maggiore e separato dalla chiesa da una grata che consentiva alle monache di assistere alle celebrazioni liturgiche rispettando la clausura, si possono ammirare numerosi affreschi, tra cui la Crocifissione tardo quattrocentesca di Zuan Francesco Zilio e sul soffitto un ciclo di affreschi ad esaltazione della Madonna (1667) di Giovanni Cozza, allievo del Carpioni.

Indirizzo: Vicenza - Contrà dei Burci, 14
Telefono: 0444 325082
GPS:45.543796, 11.550343

La chiesa si può visitare etrando dall'Istituto Palazzolo delle Suore Poverelle
Aperta previo appuntamento telefonico