La mostra presenta gli aspetti della convivenza tra orsi e uomini nella presitoria ampiamente testimoniata nel territorio Berico e nelle sue grotte.
 
Saranno esposti resti ossei di plantigradi e di strumenti in selce usati per la caccia o per la macellazione delle prede, provenienti da ben sette siti archeologici distribuiti nei nostri colli.
 
Sarà esposto anche uno scheletro di orso delle caverne. Ursus spelaeus è una specie estinta oltre 24.000 anni fa e che in posizione eretta poteva raggiungere i 3,5 metri di altezza massima. Lo scheletro è ricostruito con resti ossei recuperati nel corso degli scavi archeologici nella cavità della Grotta del Broion a Longare e conservato al Museo del dipartimento di studi umanistici “Piero Leonardi” SMA (Sistema Museale di Ateneo) dell'Università di Ferrara.
 
Il titolo, "Orsi & uomini" riflette non solo una pluralità numerica, ma anche una pluralità di specie presenti nel nostro territorio in un periodo compreso tra i 200.000 e i 23.000 anni fa.
 
Che nelle grotte dei Berici avessero lasciato testimonianza della loro presenza, prima Homo neanderthalensis e poi Homo sapiens era noto, ma che si fossero succedute più specie di orso questo è un dato recente.
 
Agli aspetti preistorici è affiancato un ricco reportage fotografico "Orsi e foreste" di Silvano Paiola che documenta la presenza in natura dell'orso appartenente alla specie Ursus arctos, segnalata in Europa e recentemente anche nelle nostre montagne. Le riprese sono state eseguite in Finlandia e in Slovenia.
 
Inaugurazione: venerdì 28 settembre alle 11

Biglietto intero: 3,50 euro
Biglietto ridotto: 2,50 euro
Biglietto scuole: 2,00 euro
 
Organizzatore: Comune di Vicenza, Musei civici
Categoria: Mostre
Data dell'evento:
28/09/2018 - 30/06/2019
Telefono: 0444 222815
Indirizzo: Museo Naturalistico Archeologico - Contra' S.Corona, 4 Vicenza