X

ITINERARIO “Vicenza la città del Palladio”

Vicenza è conosciuta come la città del Palladio. Nel 1994 l’Unesco l’ha inserita nel patrimonio dell’umanità.

Sono ben 16 gli edifici “palladiani” che potete facilmente scoprire passeggiando per il centro storico.

Per visitare la città e i suoi principali monumenti in un giorno, vi consigliamo di iniziare percorrendo  corso Palladio, via principale del centro storico di Vicenza, autentico decumano romano che taglia in due il cuore della città: camminare lungo il corso significa infatti essere a poca distanza dai luoghi di interesse turistico più importanti di Vicenza

Suggeriamo di iniziare la visita da piazza Matteotti, all’inizio di corso Palladio, dove si trova il celebre Teatro Olimpico, ultimo capolavoro dell’architetto Andrea Palladio e più antico teatro coperto al mondo.

Di fronte al Teatro Olimpico potete ammirare  un’altra bellissima opera palladiana: il Palazzo Chiericati, ora sede della Pinacoteca Civica.

Ora continuate a percorrete  corso Palladio e dopo pochi passi, sulla destra, potete scorgere Casa Cogollo detta del Palladio.

Proseguendo, imboccate sulla destra, contrà Santa Corona per non perdere l’occasione di visitare la Chiesa di Santa Corona, costruita nel 1270 , nella quale ammirare il Battesimo di Cristo di Giovanni Bellini e l’Adorazione dei Magi di Paolo Veronese, oltre ad un altare lapideo di grande bellezza. In questa chiesa fu sepolto l’architetto Andrea Palladio prima di essere spostato, a metà del 1800, al cimitero monumentale di Vicenza.

Il complesso di Santa Corona ospita anche un interessante Museo Naturalistico e Archeologico.

Continuando su corso Palladio, vi consigliamo di fermarvi alle Gallerie di Palazzo Leoni Montanari, dove è  conservata la più grande collezione di icone russe fuori dal territorio moscovita.

Sempre percorrendo corso Palladio arrivate all’altezza di contrà Porti. Su questa antica via si affacciano meravigliosi palazzi gotici e rinascimentali, tra cui Palazzo Barbaran da Porto, sede del Centro internazionale Studi di Architettura “A. Palladio” e del Palladium Museum.  Sulla via si affaccia anche  Palazzo Thiene

Se da contrà Porti guardate verso la vostra sinistra vi appariranno gli affascinanti scorci di piazza dei Signori e della Basilica Palladiana.

Raggiungete quindi la piazza principale di Vicenza e immergetevi nella bellezza dell’architettura di Palladio!

La Basilica Palladiana  è l’edificio simbolo della città. Goethe nel suo Viaggio in Italia  annotò: “Non è possibile descrivere l’impressione che fa la Basilica del Palladio”. L’invito è quello di vedere con i vostri occhi questo capolavoro. Vi stupirete!

Al piano terra della Basilica palladiana trovate il Museo del gioiello, il primo in Italia e uno dei pochi musei al mondo dedicato esclusivamente al gioiello.

Nella piazza si affacciano la Loggia del Capitaniato, opera di Andrea Palladio, antica sede del rappresentante militare della Repubblica di Venezia, oggi sede consiliare del Comune.

Infine, raggiungete piazza del Duomo dove, a fianco della Cattedrale, troverete il Palazzo Vescovile, sede del Museo Diocesano.

Ma se avete voglia di fare ancora una breve passeggiata, raggiungete la vicina Porta Castello e imboccate a sinistra, via Roma; percorretela fino a raggiungere la Stazione dei treni. Alle spalle di quest’ultima scorgerete il Santuario della Madonna  di Monte Berico.

Per raggiungerlo, o continuate a piedi (circa 20 minuti) salendo al santuario,  come fanno per tradizione i vicentini l’8 settembre (Festa della Madonna di Monte Berico) seguendo il percorso dei Portici (Francesco Muttoni, 1746) o salendo le “Scalette di Monte Berico” (ovvero i 192 gradini, che iniziano dal monumentale Arco delle Scalette, progettato da Andrea Palladio);  oppure, dalla stazione dei treni, prendete un taxi, che vi potrà accompagnare non solo al Santuario, ma anche alla vicina Villa Valmarana ai Nani e alla stupenda Villa Almerico Capra detta La Rotonda, forse il capolavoro più conosciuto di Palladio nel mondo.

Ti potrebbe interessare anche