X EMERGENZA CORONAVIRUS: a seguito del DPCM 08.03.2020, sono sospesi fino al 3 aprile tutti gli eventi in luogo pubblico e privato.

Per i percorsi accessibili dal centro di Costabissara consigliamo di partire dal Parco del Donatore davanti a Villa San Carlo dove possiamo parcheggiare comodamente e immergerci subito in un ambiente naturale e storico di grande pregio . Prendendo a destra su via San Carlo, fatti 300 metri (via Mazzini), si svolta a sinistra in salita, per via Sant’Antonio e ci si trova inseriti in un contesto dal sapore medioevale dato dall’austero aspetto del castello (Sforza Colleoni come indica il cartello posto davanti all’ingresso che fu dei Conti Bissari), da villa San Carlo e dalla imponente fattoria Buzzaccarini.
Prima che la strada inizi a scendere svoltiamo a destra per la Stradella degli Alpini che con il suo selciato a ciottoli in breve ci conduce alla bella chiesa Longobarda di San Giorgio (risalente al 1186 e ricostruita attorno al 1456 in stile romanico).
Un segnavia ci indica tre possibili percorsi: Via LongaSentiero Silvano FurlanSentiero della Tornassa

Via Longa
Il dislivello del percorso è di 170 mt. con tempo di percorrenza di un’ora circa.
Dal piazzale della chiesa di San Giorgio si prende diritti per via Pignare in salita su strada asfaltata e percorsi 100 metri un segnavia ci indica un sentiero che si addentra nel bosco. Il tracciato prosegue quasi pianeggiante fiancheggiando la parte meridionale del colle delle Pignare. Lungo questo tracciato alcuni massi portano incisi i segni lasciati dalle ruote ferrate dei carri, testimoni di frequenti passaggi su questa che era la strada di collegamento tra il paese e le varie contrade della collina. Si giunge al Passado così chiamato perché vi si incrociano ben 5 sentieri, vero snodo viario di tutta la viabilità di collina. Seguendo il segnavia ci si inoltra con una piacevole salita nel bosco per sbucare dopo alcune ampie curve ai piedi di una collinetta chiamata “Osservatorio” (bella vista sulla sottostante pianura). Da qui per aperti prati si giunge all’abitato di Madonna delle Grazie sovrastato dalla chiesetta eretta negli anni venti per adempiere ad un voto pubblico pronunciato nel 1918 sotto la minaccia dell’invasione straniera.

Sentiero Silvano Furlan
Il dislivello del percorso è di 200 mt. con tempo di percorrenza di un’ora  circa.
Dal piazzale della chiesa di San Giorgio prendere a destra la strada bianca in salita e poco dopo, a un segnavia, svoltare decisamente a sinistra. Inizia un piacevole percorso boschivo quasi pianeggiante che costeggia il lato nord del colle delle Pignare. A metà strada circa si può notare una vasca piena d’acqua denominata un tempo busa di Evaristo. Dopo circa 15 min. di strada si giunge in località Passado dove un segnavia ci indicherà di svoltare a destra in discesa e poi in piano fino ad incrociare una strada privata che attraverseremo per inoltrarci in un bel boschetto con pendenze via via più sostenute culminanti in una serie di gradini che aiutano l’escursionista a superare la parte più impegnativa del sentiero Furlan. Una comoda carrareccia in moderata pendenza ci condurrà ad incrociare la strada comunale che da san Zeno sale a Madonna delle Grazie (prestiamo attenzione all’ultimo tratto dove il percorso segue il bordo di una suggestiva e profonda valletta) .

Sentiero della Tornassa
Il dislivello del percorso è di 80 mt. con tempo di percorrenza di mezz’ora  circa.
Dal piazzale della chiesa di San Giorgio prendiamo a destra per la stradina bianca e poi diritti in leggera discesa lungo un bel muro a secco con vista su una caratteristica costruzione a torre che un tempo serviva da “roccolo” per la caccia. Il sentiero si inoltra poi nel bosco e in decisa discesa fino a quasi al piano campagna. Si gira a sinistra dove il tracciato segue l’unghia del monte con andamento quasi piano. Possiamo scorgere sulla sinistra alcune gallerie facenti parte della linea di difesa di Vicenza durante la guerra 1915/18 (non entrare per pericolo di crolli). Il sentiero termina con una piccola rampa su una strada con fondo in cemento; girando a sinistra in ripida salita dopo 150 metri incrociamo il sentiero Silvano Furlan, prendendo a destra per la stradina bianca dopo aver oltrepassato una bella e caratteristica fattoria si giunge all’abitato di San Zeno.

PERCORSI ACCESSIBILI DALLE CONTRADE
Sentiero dei Morareti
Il dislivello del percorso è di 110 mt. con tempo di percorrenza di mezz’ora  circa.
Vi si accede dall’abitato di San Zeno prendendo la stradina in piano a sinistra della salita per Madonna delle Grazie e dopo essere transitati davanti alla bella fattoria Zamberlan troviamo il segnavia che ci indica il sentiero. Si entra nel bosco per uscirne qualche decina di metri dopo seguendo il margine di un prato che ci porta sotto la salita con fondo in pietra che si addentra nel bosco. Con sostenuta pendenza seguiamo l’ampio sentiero fino a quando non spiana ed incrocia il sentiero Silvano Furlan proveniente da sinistra e nel quale confluisce.

Sentiero delle Piane
Il dislivello del percorso è di 175 mt. con tempo di percorrenza di un’ora  circa.
Dalla contrada San Zeno, si prende la stradina che si stacca a destra della strada asfaltata che sale a Madonna delle Grazie e subito a sinistra costeggiando il grande maneggio Ongaresca (prendendo a destra si va verso la contrà Pilastro) per proseguire su un bel sentiero di bosco in salita costeggiando una sottostante valletta (attenzione a non sporgersi troppo). Superata un’altra valletta grazie ad un bel ponticello in legno il sentiero aggira verso nord la tenuta delle piane con i suoi splendidi vigneti fino ad incrociare sulla nostra destra il sentiero delle Canevete proveniente dalla tenuta Duso. Il sentiero prosegue per prati (bella vista sull’abitato di Costabissara, sulle colline circostanti e sulla città di vicenza) fino ad incrociare la strada panoramica dove girando a sinistra in 10 minuti si arriva alla chiesetta di Madonna delle Grazie. Di notevole interesse storico artistico è la chiesetta paleocristiana di San Zeno: dalla contrà S. Zeno in salita per la strada comunale che porta a Madonna delle Grazie, al secondo tornante girare a destra per un sentierino che, in discesa per circa 200 metri, ci conduce ad uno slargo dove si possono visitare i resti della chiesetta.

Sentiero delle Canevete
Il dislivello del percorso è di 100 mt. In discesa con tempo di percorrenza di mezz’ora  circa
Si imbocca lasciando il sentiero delle Piane poco dopo aver attraversato il ponticello in legno (segnavia verso destra) e fiancheggiando dei vigneti sale verso la evidente altura detta Ongaresca passando dietro la fattoria Duso per scendere e terminare sulla strada che sale dalla località Pilastro (Via Monte Cengio).
Al di là della strada una carrareccia porta verso un bel poggio raggiunto il quale tenendosi a sinistra si scende su prato e poi per boschi verso la località denominata all’acqua (zona di sorgenti) per pervenire in via Malisoni e poi sulla strada per Castelnovo.

Trodo dell’orco
Il dislivello del percorso è di 110 mt. con tempo di percorrenza di un’ora  circa
Imboccata via San Valentino, (da vedere il bell’ oratorio del 1684), poco dopo si gira a sinistra per la stradina asfaltata che si inoltra nella campagna, la si percorre tutta (500 metri circa) fino ad una fattoria dove, superato un ponticello in legno, prendiamo a sinistra costeggiando un prato e in leggera salita fin dentro al bosco dove il sentiero si inerpica. Giunti ad un grande ulivo (segnavia) girare decisamente a destra per una carrareccia pervenendo poco dopo alla cima del colle del Perozzo. Qui lo sguardo può spaziare su tutta la città di Vicenza e sulle colline di Costabissara e Monteviale. Proseguendo per la carrareccia si sbuca su una strada bianca e tenendo la destra ad un successivo bivio si giunge rapidamente sulla strada panoramica che congiunge Monteviale a Madonna delle Grazie.

GIRI AD ANELLO CONSIGLIATI
Giro delle Pignare: (semplice ma suggestiva passeggiata)
Dislivello complessivo 70 mt. tempo di percorrenza un’ora circa.
Dal piazzale della chiesa di San Giorgio prendere a destra la strada bianca in salita e trovato il segnavia del sentiero Furlan seguirlo fino a che non troviamo altri segnavia in località Passado (recinto con daini e Madonnina con dedica) dove prenderemo il sentiero a sinistra (siamo sulla Via Longa) che ci riporterà al punto di partenza.

Giro dei Bissari: (passeggiata di un certo impegno ma di grande soddisfazione)
Dislivello complessivo 270 mt. tempo di percorrenza ore 2-2,30 circa.
Partenza dal parco del Donatore. Si sale al piazzale della chiesa di San Giorgio per via Sant’Antonio e la Stradella degli Alpini, quindi a destra per il sentiero della Tornassa (vedi descrizione del sentiero). Giunti alla contrà San Zeno ci si porta a sinistra verso il maneggio dell’Ongaresca da dove parte il sentiero delle Piane, percorso il quale raggiungiamo la bella chiesetta di Madonna delle Grazie. Imboccata la strada comunale in discesa per Costabissara, al secondo tornante un segnavia ci indica il sentiero da percorrere in discesa: siamo sulla Via Longa. La si segue interamente fino al piazzale della chiesa di San Giorgio da dove si scende poi a Costabissara.
N.B: I tempi di percorrenza si riferiscono ad una tranquilla andatura al passo ed è solo indicativa. Tutti i sentieri sono adatti anche alla pratica della mountain bike

GPS:45.583925, 11.483152

Ti potrebbe interessare anche