Hai deciso di vedere la mostra “Ritratto di donna: il sogno degli anni Venti. Lo sguardo di Ubaldo Oppi” in Basilica Palladiana a Vicenza e stai cercando informazioni su dove acquistare i biglietti, come arrivare (i parcheggi e i mezzi pubblici), dove mangiare e alloggiare?
Sei nella pagina giusta! Qui ti daremo tutte le informazioni utili per la tua giornata alla scoperta di “Ritratto di donna: il sogno degli anni Venti. Lo sguardo di Ubaldo Oppi”.

Mostra alla Basilica Palladiana Vicenza - Ritratto di Donna

1. Uno… sguardo all’esposizione

Prima però, un piccolo accenno a questa affascinante esposizione qui troverai altre informazioni su “Ritratto di donna: il sogno degli anni Venti. Lo sguardo di Ubaldo Oppi”
Le signore degli anni Venti e l’immaginario che le rappresenta sono il cuore pulsante della mostra: saranno esposte in Basilica Palladiana opere dei più noti artisti italiani del Novecento, tra cui alcuni splendidi dipinti di Ubaldo Oppi (Bologna 1889 – Vicenza 1942), protagonista assoluto della vita culturale di quel tempo.


Per seguirne la carriera, tra Parigi, Milano, Roma e gli Stati Uniti, il racconto degli “anni ruggenti” prenderà in realtà avvio dagli anni Dieci, mostrando opere di Klimt e Picasso, che furono maestri fondamentali per una generazione di artisti e hanno nutrito felicemente anche la poetica del pittore.
Il pubblico della mostra potrà ammirare, tra le altre, opere di Felice Casorati, Arturo Martini, Gino Rossi e di quella schiera di artisti che, come Mario Sironi e Achille Funi, si erano raccolti attorno
alla potente figura della prima critica d’arte donna italiana: Margherita Sarfatti.

2. La Basilica Palladiana

Un biglietto: due meraviglie. Sì perché la visita a “Ritratto di donna: il sogno degli anni Venti. Lo sguardo di Ubaldo Oppi” ti permetterà anche di scoprire uno dei monumenti simbolo della città di Vicenza: la Basilica Palladiana. E’ qui che viene ospitata la mostra, in questo straordinario palazzo progettato dal grande architetto Andrea Palladio verso la metà del 1500, che si alza maestoso in Piazza dei Signori, cuore e salotto della città. Non è l’unico capolavoro del Palladio presente nel centro storico e nei dintorni di Vicenza: ti invitiamo a scoprire le altre ville e gli altri palazzi in questa sezione del sito “I Capolavori Palladiani”.

3. Come arrivare

Se pensate di arrivare a Vicenza in auto è meglio sapere che il centro storico è Zona a Traffico Limitato, dunque dovrete lasciare la vettura in uno dei parcheggi disponibili. Il nostro consiglio è di utilizzare i parking a sbarre per “dimenticarvi” dei classici tagliandini delle strisce blu e godervi la giornata senza pensieri. I parcheggi più vicini al Centro Storico sono il Park Verdi e il Park Fogazzaro, ma in questo link potrete conoscere tutta l’offerta di sosta pubblica in città, compresi i parcheggi di interscambio collegati con le navette, certamente più convenienti.

Se arrivate in treno, o con le autolinee pubbliche, dovrete semplicemente percorrere viale Roma, ampia strada che parte proprio di fronte alla
stazione ferroviaria, attraversare Porta Castello e prendere corso Palladio, percorrerlo per qualche centinaio di metri e poi svoltare a destra per Contra’ Cavour: ancora qualche metro e si aprirà davanti a voi una delle più belle piazze d’Italia, con al centro proprio la Basilica Palladiana.

4. Dove acquistare i biglietti per la mostra

Ovviamente per visitare “Ritratto di donna: il sogno degli anni Venti. Lo sguardo di Ubaldo Oppi” è il caso di avere già in mano i biglietti, magari acquistandoli on line collegandovi a questo link.
Nel caso, invece, vogliate acquistare i biglietti della mostra “Ritratto di donna: il sogno degli anni Venti. Lo sguardo di Ubaldo Oppi” sul posto, queste sono le biglietterie disponibili e gli orari di apertura:

Biglietteria presso il Teatro Comunale di Vicenza
Viale Mazzini 39
T. +39 0444 326418
biglietteria@mostreinbasilica.it
da lunedì a sabato
9 – 13.30 / 14.30 – 18

Ufficio IAT (solo per singoli)
Piazza Matteotti, 12 (a fianco del giardino del Teatro Olimpico)
T. +39 0444 320854
iat@comune.vicenza.it
tutti i giorni 9 – 17.30

Biglietteria Basilica Palladiana (solo per singoli)
Piazza dei Signori
(attiva dal 6 dicembre)
T. +39 0444 326418
info@mostreinbasilica.it
tutti i giorni 10 – 18

5. Gli orari della mostra in Basilica

Prendetevi tutto il vostro tempo: la mostra “Ritratto di donna: il sogno degli anni Venti. Lo sguardo di Ubaldo Oppi” lo merita. Potete visitarla tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 (la biglietteria è attiva fino a 30 minuti prima della chiusura). Sono previste anche delle aperture e degli orari straordinari. Eccoli:

Domenica 8 dicembre 2019
Martedì 24 dicembre 2019
Mercoledì 25 dicembre 2019
dalle ore 14 alle 18
Giovedì 26 dicembre 2019
Martedì 31 dicembre 2019
Mercoledì 1 gennaio 2020
dalle ore 14 alle 18
Lunedì 6 gennaio 2020
Domenica 12 aprile 2020
Lunedì 13 aprile 2020

6. Dove mangiare

Perché non approfittare della visita a “Ritratto di donna: il sogno degli anni Venti. Lo sguardo di Ubaldo Oppi” anche per scoprire l’offerta gastronomica di Vicenza e della sua provincia? In questo caso vi diamo l’indirizzo giusto! Quello del sito www.ristoratoridivicenza.it, dove potrete trovare oltre 700 locali presenti in città e in tutto il Vicentino, con foto, orari di apertura, geolocalizzazione e l’eventuale proposta di menu o serate a tema.

Prevedete uno spuntino veloce? Non preoccupatevi, Vicenza offre tanti bar di qualità dove troverete tutto ciò che vi piace. Anche in questo caso, consultate il sito www.ristoratoridivicenza.it per trovare quello più vicino.

7. Dove dormire

La scelta migliore? Visitare la mostra “Ritratto di donna: il sogno degli anni Venti. Lo sguardo di Ubaldo Oppi” e poi fermarvi a Vicenza, dedicando qualche giorno in più alla visita della città, dei suoi dintorni e delle altre bellezze della provincia.

Nel nostro sito potrete trovare un sostanzioso data base delle strutture ricettive del Vicentino e delle proposte di itinerario per visitare Vicenza e provincia in 24, 48 o 72 ore. Consultate la nostra sezione itinerari, oppure costruite il vostro percorso personalizzato scegliendo ciò che volete visitare tra museimonumenti , ville, senza tralasciare la possibilità di conoscere la montagna vicentina e le terme.

Non lasciatevi sfuggire la possibilità di scoprire perché Vicenza è la provincia del Palladio ed è patrimonio mondiale dell’Umanità Unesco.